Sistema su
RaspberryPi



Stato stazione regolare


Masiera  Masiera


Masiera Torre  Masiera Torre


Lugo


Cotignola


Faenza

Lavezzola


Raticosa
Muraglione
Fumaiolo

Meteosat

Fulminazioni





Offrimi una birra..

Nessuna attenzione particolare richiesta.    Non ci sono allerte meteo

Proverbi Meteo in dialetto

Qui' inizio la raccolta di detti popolari della romagna e non, rubati a internet e a persone non piu' giovanissime inerenti alla meteorologia, se avete qualche cosa che mi possa servire per allungare questa lista inviatemi una email (ik4idf AT gmail.com oppure info AT meteomasiera.it) ve ne saro' infinitamente grato, Lele

Sant'Antoni da la berba binca, s'un la ja u s' la fa. Sant'Antonio dalla barba bianca, se non ce l'ha se la fa (17 gennaio)

Zner aver. Gennaio avaro.

Ad zner ten è gren int è suler.

Quand e gal è chenta gaf, è piov; se chenta pèri, e fa e tèmp bon
Quando il gallo canta in numero dispari piove, se canta pari c'è bel tempo


Se piov se batec e piov enca su l'ov benedet
Se piove sul ramo d'ulivo (Pasqua) piove anche il giorno dopo (Pasquetta)


San Basan frèd da can
San Bassiano (19 gennaio) freddo da cane


Par San Bas-ciân, è trema la coda a è cân.
Per San Sebastiano trema la coda al cane.


Par San Bas-ciân e trema la coda a è can; par Sant'Agnes la i chesca sques. Per San Sebastiano trema la coda al cane; per Sant'Agnese (21 gennaio) quasi gli cade.

San Sebastian 'l fa trémè la coda ai can
San Sebastiano (20 gennaio) fa tremare la coda ai cani (a causa del freddo)


Par San Pêval è giaz l' e a ca dè gêval. Per San Paolo il ghiaccio è a casa del diavolo. (25 gennaio)

Fabrer fabraret, mes curt e maladet. Febbraio febbraietto, mese corto e maledetto.

Se è piov par la Zariola quarânta dè l'inveran u's arnôva. Se piove il giorno della Candelora per quaranta giorni l'inverno si rinnova. (02 febbraio)

Nev dfabrer, Pan in tè graner
Neve in Febbraio, Pane nel granaio


Fibrér curt curt, el cheva la legna dal court !!
Febbraio mese corto, ma esaurice la legna ammucchiata nelle corti !!


Par la Candelora da l'inveran a sem fora, ma se piov e tira vent da l'inverni a sem drent
Il giorno della Candelora siamo fuori dall'inverno, ma se piove e tira vento nell'inverno siamo ancora dentro. (La Candelora è il 2 febbraio, il giorno della Purificazione di Maria Vergine.)


Quând che è ven Sân Valintén, la premavira l'è avsén. Quando viene San Valentino la primavera è vicina.(14 febbraio)

Se è piov i dè luv, u j è dè gran e di marzul. Se piove i giorni grassi ci sono grano e marzatelli.

La neva marzulena la fa la sera e va veia la matena
La neve marzolina viene alla sera e va via alla mattina


Mêrz marzarel: quand u j è e sol pôrta l'umbrel; quand e piov pôrta è capel. Marzo marzerello: quando c'è il sole porta l'ombrello; quando piove porta il cappello.

Mêrz bagnê, de len da filê. Marzo bagnato, lino da filare

Mêrz sot, grân par tot. Marzo asciutto, grano per tutti

Mêrz urtlen, banasé paja e poc grân. Marzo ortolano, tanta paglia e poco grano

La festa d' San Jusef la n' é pasêda se prema o dop l'ân fa la buraschêda. La festa di San Giuseppe non è passata se prima o dopo non viene la burrasca (19 marzo)

La burasca d' San Jusef la vô avnir, o têrd o prest La burrasca di San Giuseppe deve venire, tardi o presto (19 marzo)

Quand che e cnta è meral a sen fura da l'inveran. Quando canta il merlo siamo fuori dall'inverno

Abril ogni goza un baril
Aprile ogni goccia un barile


Abrl, qund ch' è pinz e quând ch' è rid. Aprile, quando piange e quando ride

Abrìl un' a trenta, e se è piuves par trenton, u n' fareb mêl a incion. Aprile ne ha trenta (di giorni), e se piovesse per trentuno, non farebbe male a nessuno

Se tona in abril! l'è bò segn pr'e baril
Se tuona d'aprile è buon segno per il barile


A i du o a i tri d'abrìl è coch l' a da vnir; se è coch u n' ven tra i set e j ot, o ch' l' e môrt o ch' l' e cot. Al due o al tre di aprile il cuculo deve venire; se il cuculo non viene tra il sette e l'otto o è morto o è cotto

L'acva d'abrìl l' e ôr zintìl. L'acqua di aprile è oro gentile

Int è mes che è cânta è coch la sera l'e bagnê, la matena l'e sot Nel mese che canta il cuculo la sera è bagnato, la mattina è asciutto

L'acva d'abrl arlusent l' e tot ôr e arzent. L'acqua di aprile rilucente è tutto oro e argento

Mêrz di vent, abrìl di fjur. Marzo dei venti, aprile dei fiori

La nêbia d'abrìl la fa cade i fjur zintìl La nebbia d'aprile fa cadere i fiori gentili

Abril piuvous, màz beal, àn ventos
Aprile piovoso, maggio bello e chiaro, anno ventoso


D'abrìl tot j animel i s' met in zir; nec la besa cun è zambêlgh i dà fura parché l' è chêld. In aprile tutti gli animali si mettono in giro; anche la biscia con il rospo escono perchè fa caldo

Abrìl, piov, piov, ch' è vegna gros i cov Aprile, piovi, piovi, che vengano grossi i covoni

Avril, tott i dè un baril
Aprile, tutti i giorni un barile di pioggia


Abrìl, acva e sol, dà fura al spunziôl Aprile, acqua e sole, escono le spugnole (funghi)

Maz scarvàz
Maggio, acquazzoni


Maz da e' côl long Maggio dal collo lungo (si allungano i giorni)

Maz sot, grân par tot. Maggio asciutto, grano per tutti

Quând è piov trop è mes d'maz, la spiga la fa è gambaraz. Quando piove troppo nel mese di maggio, la spiga fa il gambaccio

L'e pr al guaz d' Sân Zvân ch'u s taja è grân. E' per le guazze di San Giovanni che si taglia il grano



Sân Pir , la stêla pr è zil. San Pietro (29 giugno)la stella per il cielo



Se ` piov par l' Ascinsin, tot gnacvêl in perdiziòn. Se piove per l'Ascensione va tutto in malora

E' dè d' l' Ascinsiòn, s' è piuves d' l' ôr, u' n' piov gnit d' bon. Il giorno dell'Ascensione, anche se piovesse oro, non pioverebbe niente di buono

In loi uiè gran calura, se in zner ui fò gran fardura
In luglio, &cgrave;è gran caldo se in gennaio ci fu gran freddo


Loj lujet, s' u n' piov, è fen l'è sech. Luglio luglietto, se non piove, il fieno è secco

D' loj piò t'in sèman e mânch t' n' arcoj. Di luglio più ne semini e meno ne raccogli

L'acva d' Sânt' Ana l'e mej d' la mâna. L'acqua di Sant'Anna (26 luglio) è meglio della manna

S' è piòv è de d' Sânt' Ana, è piòv un mes e una stmâna. Se piove il giorno di Sant'Anna (26 luglio) piove un mese e una settimana

Se e pióv in agost, piov mél e most
Se piove d agosto piove miele e mosto


La prèma acqua d'agost la porta veia un sach ad mosch
la prima acqua di agosto porta via un muccio di mosche


Setémbar e utòbar cun dal bél giurnèdi, temp ad fè dal scampagnèdi
Settembre e ottobre con belle giornate, tempo per fare scampagnate.


San Clumban al riva cun la nev in man
San Colombano (22 novembre) arriva con la neve in mano


Nuvembar e trema tot, dizembar'e spless l'an
Novembre trema tutto, dicembre seppellisce l'anno


Nadèl a è sol, Pasqua a è fugh
Natale al sole, Pasqua accanto al fuoco


S'un begna la Pelma us begna agli ov
Se si bagna la palma si bagnano le uova


Chi ch ' lè sculazè da la nebia u l sculaza neca è vent
Chi è sculacciato dalla nebbia, è sculacciato anche dal vento


Quand &grave ven la brena tot al piant al s´arvena
Quando viene la brina ogni pianta si rovina


Premma e vent e pù la bren-na, acua in tera a la maten-na
Prima il vento e poi la brina, acqua in terra alla mattina


Quand che al nuval al va a bulogna e piòv c´un s ´vargogna!
Quando le nuvole vanno verso Bologna, piove senza vergogna!


L'è un frèd cus bobla
E' un freddo che si trema


Pr´i Santi la nèiva in t´i campi. Pr´San Martèin la nèiva in t´i camèin
Per i Santi la neve nei campi. Per San Martino la neve nei camini


Par la Madona Siriôla ad linveran a sè fôra; ma tra piôvar e fiocher a ghè quaranta dè da paser!
Per la candelora, dellinverno si è fuori ma tra pioggia e neve ci sono da lasciar passare quaranta giorni!


Sant'Antoni d'la berba bienca se un la ia us sla fa
Sant'Antonio dalla barba bianca, se non l'ha, se la fa. (Cioè se la mette facendo nevicare.)


Quand che l'acqua la fa i caplett la terda puoch e pu la smet
Quando l'acqua fa i cappelletti tarda poco e poi smette. (quando piove forte non dura molto)


Zil a gratusina, s'un piov inqù e piov dmatena
Cielo a grattugina (tipo a pecorelle), se non piove oggi piove domattina


E'vent ad marena è porta la buraschena
Il vento di marina porta burrasca


Quand è ven la brena tot al piant al s'arvena
Quando viene la brina ogni pianta si rovina


Brìsa tótti i scurezz i fàn una càca
Non tutte le nuvole portano tempesta


Erchbalen da cant dla sera è fa ars-ciare la vela, erchbalen de cant de la matena è fa rimpì la psculena
Arcobaleno dal canto della sera fa rischiarare la vela (l´orizzonte), arcobaleno dal canto della mattina fa riempire la pozzanghera


Par Santa Catarena o che neva o che brena o che tira la curena o che fa la paciarena
Per Santa Caterina o nevica o brina o soffia scirocco o fa le pozzanghere


Par la Madona Siriôla ad l'inveran a s'è fôra; ma tra piôvar e fiocher a gh'è quaranta dè da paser!
Per la candelora, dell'inverno si è fuori ma tra pioggia e neve ci sono da lasciar passare quaranta giorni!


Pr'i Sant la nèv in t'i campi. Par'San Martèin la nèv in t'i camèn
Per i Santi la neve nei campi. Per San Martino la neve nei camini


Vant muntàn, porta al fiasc sotta al gabàn: s'an piov incù, al piov edmàn
Vento montano, porta il fiasco sotto il gabbano:se non piove oggi piove domani. (Bologna)


Ross adsera bell temp us spera, ross d'matena vent e piuggerillin
Rosso di sera bel tempo si spera, rosso di mattina vento e pioggerellina


E garbéin e chèva l'aqua da è vein
Il garbino (vento caldo di mare - libeccio) leva l'acqua dal vino, - Si dice per descrivere della capacità di questo vento di fare evaporare l'acqua da ogni cosa e di farla quindi seccare.


Temp ch'al lus aqua al produs
Tempo che fa luce produce, durante i temporali un vivido chiarore delle nubi non porta sereno ma rafforza il temporale.


Ercbalè de cant dla matèna us rimpi`s la puzadèna
Arcobaleno di mattino si riempie il pozzettino.




meteomasiera trasmette i dati della propria stazione in tempo reale su:



...e altri

free counters