Sistema su
RaspberryPi



Stato stazione regolare

Ultimi Sismi ITA

Masiera  Masiera


Masiera Torre  Masiera Torre







Raticosa
Muraglione
Fumaiolo

Meteosat

Fulminazioni





Offrimi una birra..

Temporali Inizio validità dal: 26-06-2017 12:00 Fino: 21:30 Allerta per: Temporali Livello: Giallo info button
 

Nuvole

Le Nuvole, piccola guida veloce (materiale tratto da it.wikipedia.org)

Una nuvola, o nube, una massa visibile di piccole goccioline o cristalli di ghiaccio sospesi nell'atmosfera, sopra la superficie terrestre o di un altro corpo planetario o un satellite. Possono formarsi strutture simili a nuvole anche nello spazio interstellare, ma in questo caso non si tratta di agglomerati di gocce di vapore acqueo. Si parla in questo caso di nubi interstellari.
La branca della meteorologia che studia le nuvole e i fenomeni ad esse collegati detta nefologia. Esse sono rappresentative - e sono a loro volta causa - di complessi fenomeni meteorologici, quali la pioggia, la neve e la grandine. Per analogia di forma il termine stato esteso anche a esalazioni di fumo nell'atmosfera od accumuli che possono essere di polvere, sabbia o insetti.
Dal punto di vista della termodinamica le nubi rappresentano l'aspetto visivo di fenomeni che avvengono all'interno di un fluido gassoso noto come atmosfera; le grandezze in gioco sono: temperatura, umidit, pressione.

come distiguere il tipo di nuvola...



ecco un'immagine schematizzata delle nuvole nel cielo

nubi alte


Ci=cirri hanno la forma di delicati filamenti bianchi, di aspetto sfilacciato, si spostano a quota elevata, dai 6000m agli 8000m; assomigliano alle scie degli aerei. Sono costituiti da cristalli di ghiaccio e non sono mai minacciosi. L'apparizione dei cirri in un cielo blu annuncia generalmente l'arrivo di un fronte caldo accompagnato da precipitazioni spesso persistenti, oppure la fine di un'attivit temporalesca (in questo caso sono detti anche "falsi cirri").
Cs=cirrostrati formano un velo nuvoloso biancastro ad un'altitudine compresa tra 6.000 e 12.000 metri attraverso il quale si scorge un pallido sole. La formazione di un cirrostrato pu avvenire per condensazione e successiva cristallizzazione di vapore proveniente dagli strati pi bassi dell'atmosfera, oppure dalla progressiva estensione di cirri quali il Cirrus Fibratus; in tale caso la formazione del cirrostrato dovuta all'avanzamento di un fronte. Nessun tipo di precipitazione associato al cirrostrato. Cc=cirrocumuli Il cirrocumulo una nube piccola, simile all'altocumulo ma di dimensioni inferiori e senza ombra propria, la cui forma ricorda una pecorella. I cirrocumuli fanno parte delle nubi alte (6-7000 m d'altezza) e di solito compaiono in banchi. La loro presenza pu indicare aria fredda e instabile in quota e, in determinati casi, un antesignano del temporale o del rovescio, da dove il proverbio popolare cielo a pecorelle, acqua a catinelle.

nubi medie

Ac=altocumuli L'altocumulo composto da piccole gocce d'acqua o da cristalli di ghiaccio, formati da un'ascensione di una consistente massa calda e umida, il cui vapore si condensa in un'atmosfera instabile, a circa -25 gradi.Si trovano ad una quota tra i 2000m e i 5000m, la presenza di altocumuli pu indicare l'approssimarsi di un fronte e di un cambiamento del tempo, anticipando l'arrivo di temporali. Gli altocumuli possono provocare delle concrezioni di ghiaccio sulle superfici degli aeroplani. As=altostrati L'altostrato una nube media (3-4000 m d'altezza), di colore bianco opaco o traslucido, talvolta tendente all'azzurognolo. Essa si forma quando una massa di aria calda ai livelli medi dell'atmosfera si scontra con una massa di aria fredda, molto spesso un precursore di un fronte caldo in avvicinamento. L'altostrato tende a coprire uniformemente la volta celeste (6-8/8) e pu dare origine a pioviggine, o anche trasformarsi in nembostrato e dare origine a pioggia. Occasionalmente l'altostrato messaggero di temporali in avvicinamento.

nubi basse

Sc=stratocumuli Lo stratocumulo una nube bassa e scura, simile ad uno strato, ma pi mammellosa e moderatamente sviluppata verticalmente. Essa un'altra nube da fronte caldo che precede le schiarite del settore caldo. Nonostante il loro inquietante aspetto, producono solo pioggia leggera. St=strati Lo strato una nube molto bassa e scura che, quando riesce a raggiungere il suolo, d origine alla formazione della nebbia. La nebbia presente soprattutto d'inverno e lungo le coste. Lo strato una nube da fronte caldo e pu dare origine a piogge deboli o pioviggini. Ns=nembostrati Il nembostrato una nube a grande sviluppo orizzontale, di colore grigiastro - nero, la classica nube da maltempo. simile allo strato ma pi spesso e origina precipitazioni e venti pi forti. Segnala l'arrivo del fronte caldo e di precipitazioni persistenti, che possono anche durare per pi giorni, prima dell'arrivo delle schiarite. Talvolta, sotto la base del nembostrato, a causa dei forti venti in quota e dell'umidit, si possono formare delle nubi piccole e sfrangiate, i pannus.

nubi verticali

Cu=cumuli Il cumulus o cumulo una nube a piccolo o medio sviluppo verticale, che si presenta come una piccola torre o cavolfiore, essa ha base piatta o convessa a seconda dello sviluppo verticale. I cumuli si formano a causa delle correnti convettive create dalla radiazione solare e in genere sono indice, se poco sviluppate, di bel tempo stabile. Alcune volte, per, queste nubi si sviluppano molto in verticale formando i cumuli congesti che possono provocare rovesci anche forti e che sono lo stadio del cumulo prima della trasformazione a cumulonembo. Se le correnti ascensionali sono molto intense, alla sommit del cumulo congesto si pu scorgere un piccolo cappuccio, denominato "pileus", indicatore di estrema instabilit atmosferica e precursore di intensi temporali. I cumuli, come tutte le nubi a sviluppo verticale, sono indice di aria instabile. Tcu=cumulo congesto Il Cumulus congestus una nube a sviluppo verticale, o cumulo, che rappresenta lo stadio evolutivo del cumulus mediocris. Essendo gonfiato da correnti ascendenti la nube raggiunge i 6000 metri d'altezza. Il cumulus congestus e pi alto che largo e raramente si sviluppa con solo la convenzione, in quanto richiede una notevole instabilit. Il Cumulus congestus pu trasformarsi in Cumulonimbus calvus solo se la convenzione sufficientemente intensa o c' una marcata instabilit. Il Cumulus congestus provoca forti rovesci ma non provoca elettrometeore (fulmini e lampi). Su un congestus maturo pu comparire il Pileus sintomo di imminente trasformazione. In condizioni di particolare instabilit atmosferica, forte umidit e alta temperatura, il cumulus congestus si trasforma in cumulonembo, o cumulus nimbus, la nube che origina i temporali. Cb=cumolonembi Il cumulonembo una nube a sviluppo verticale che si sviluppa in condizioni di instabilit atmosferica; la pi spettacolare e imponente tra le nubi. Vista a distanza si presenta grosso modo come una torre che dalla base piatta e relativamente non molto alta dal suolo (mediamente intorno ai 2000 metri alle nostre latitudini). Si erge per alcuni chilometri, sino ad arrivare al limite della troposfera, ovvero, alle nostre latitudini, intorno ai 12000 m Il cumulonembo la nube tipica dei temporali, anche violenti, e si presenta prevalentemente nelle ore pi calde dei mesi estivi in quanto la sua formazione necessita di una grande quantit di energia termica.


meteomasiera trasmette i dati della propria stazione in tempo reale su:



...e altri

free counters